Come valutare il costo dello sviluppo di un sito? Le variabili da considerare

Sarà capitato a tutti, sia nelle vesti di cliente che in quelle di fornitore di servizi o agenzia, di sentirsi porre la domanda: “Ma più o meno cosa costerebbe fare un sito web?” ed inesorabilmente ricevere o dare la lapidaria risposta: “Dipende da cosa ti serve...”.

Proprio da questo fatidico “...cosa ti serve” vorremmo partire per proporvi queste cinque considerazioni per dare una forma a questo indefinibile "cosa".

Tempo

In quanto tempo devi essere online? La variabile tempo è fondamentale perché aiuta da subito l’agenzia o il free-lance ad ipotizzare lo strumento adatto che nei tempi proposti possa dare i migliori risultatiLa variabile tempo potrebbe anche essere molto importante per ipotizzare di suddividere il lavoro in step e permettere di essere “subito” online con magari una landing page per poi implementare il blog in un secondo momento

Qualità

La qualità potrebbe essere una variabile importante per formulare un preventivo! Ma come riuscire a “calcolare” la qualità? Una soluzione potrebbe essere quella di chiedere al cliente di suggerire una lista di siti con comportamenti e un look and feel simile al nostro per capire per esempio: il sito ha una navigazione standard o magari in Ajax? Quanto la grafica o la tipografia influenza i contenuti?

Complessità

Molto spesso la complessità viene legata alla quantità, ovvero al numero di pagine, ma questo non è sempre vero. Suggeriamo di cercare di capire insieme al nostro cliente o di chiedere all’agenzia con cui stiamo lavorando di capire quanti collegamenti o interazione deve avere il nostro sito. Alcuni esempi pratici: devo gestire un’area utenti? Gli utenti cosa possono fare? Devo gestire download? Video? Tutte cose sono in sé piccole, ma aumentano il numero di dipendenze e interconnessioni che il sito deve gestire.

Scalabilità

Una situazione che vediamo spesso ripetersi è quella di siti web che si sviluppano velocemente e che, per far fronte alle nuove esigenze, aggiungono elementi e funzionalità al sito iniziale creando un “frankenstein” con una navigazione disomogenea e frammentata. Progettare da subito un portale con un’ottica di scalabilità, sia strutturale che dal punto di vista dei contenuti, permette di crescere in modo armonioso e di essere in grado di affrontare senza troppi timori anche crescite repentine.

Manutenzione e sostenibilità

Capita spesso di dimenticare, o addirittura rinunciare, a un contratto di manutenzione del proprio sito. Un esempio negativo è quello di non effettuare backup, non aggiornare, non proteggere dai virus il proprio CMS (ma anche soluzioni sviluppate ad hoc) rendendolo vulnerabile e vetusto in poco tempo. Quando chiediamo o proponiamo un prezzo per un progetto web è utile ipotizzare, oltre a un costo una tantum, una soluzione che permetta a questo di essere manutenuto nel tempo. È una piccola spesa che permette di prevenire piccoli e grandi problemi per il futuro.

Adesso che le variabili per la progettazione di un sito web sono chiare, non vi resta che commissionarne uno. Trovare il fornitore giusto alle vostre esigenze è facile, basta iscriversi a Polipy!