Cos'è la visibilità online: la Brand Awareness

Una delle sfide basilari che un brand deve affrontare per sopravvivere è come e quanto esso riesce a distinguersi dagli altri.

In un contesto in cui, in ogni istante della nostra giornata, ci capita di venire in contatto con svariati brand, quello che riesce a colpirci e quindi a rimanerci impresso è il brand che riesce a vincere questa sfida fondamentale.

Com’è semplice intuire dunque, parlare di Brand Awarenss significa trattare di un qualcosa che riguarda un marchio, un brand; il primo elemento da capire infatti è che la Brand Awereness è un obiettivo che un brand deve raggiungere perché ciò serve per far crescere il volume d'affari di un’azienda.

Ma siamo più tecnici, andiamo più nel dettaglio… che cosa si intende quando leggiamo l'espressione Brand Awareness?

La Brand Awareness, o anche “notorietà di marca”, è un parametro che indica quanto il tuo brand e i tuoi prodotti o servizi sono conosciuti e riconosciuti nella mente dei consumatori.

Il fine della Brand Awareness è che i consumatori possano pensare alla tua marca e ai tuoi prodotti quando sono in cerca di un determinato bene e/o servizio.

L’apice della Brand awareness, il punto di arrivo auspicato da ogni brand, è quello di essere il primo brand a cui i consumatori pensano quando iniziano il processo di acquisto di un certo bene o servizio.

Essere la prima alternativa che viene in mente ai consumatori nel momento della necessità è il principale obiettivo per chi investe in attività di digital marketing.  Prima di poter raggiungere la massima notorietà di marca ed essere dunque “top of mind” - il posto in cui tutti i brand vorrebbero essere – ci sono vari step che un brand deve passare. 

David Aaker, a tal proposito, ha ideato uno strumento denominato piramide di Aeker, che fornisce una classificazione con la quale poter individuare il punto preciso in cui si trova attualmente il proprio business, in modo così da definire lo stato attuale di ciò che si sta facendo e quanto manca per poter giungere finalmente alla cima della piramide e della considerazione degli utenti. La piramide rappresenta una scala di valori che riporta 4 ambiti (step) ben distinti:



Step 1: alla base della piramide troviamo quella che è una totale assenza di conoscenza del brand, ciò significa che i tuoi potenziali clienti non hanno la benché minima idea della tua esistenza. Al di là di quello che può essere l'ambito di riferimento, in questo stadio il tuo lavoro è come se fosse “inesistente” in termini di visibilità/notorietà.

Step 2: il secondo punto è quello in cui si inizia ad uscire dal totale anonimato per iniziare a fare in modo che il brand cominci a essere conosciuto. Resta sempre però un momento iniziale, con un livello di conoscenza superficiale, ancora troppo limitata per poter realmente parlare di crescita della notorietà di marca. 

Step 3: sei vicino alla cima della piramide, quindi il livello di conoscenza qui è abbastanza forte. Non sei ancora al livello finale, ma già in questo stadio il tuo marchio sarà uno di quelli che verranno in mente a una determinata tipologia di utente che cerca dei servizi che rientrano nel tuo ambito.

Step 4: sei arrivato allo step finale, quello definito nella piramide Top of Mind. Quando si raggiunge questo punto significa che il lavoro svolto sul brand ha funzionato: la marca in questione è la prima che viene in mente alle persone per un determinato bene. 

(Un ipotetico step 0 è da considerarsi nel momento in cui vi è l'emergere del bisogno da parte del consumatore, il quale non solo non ha idea dell'esistenza del tuo brand, ma non conosce neanche con esattezza ciò che vuole, quindi sta cercando ancora di definire il reale bisogno che deve soddisfare.)

Infine è bene porre l’attenzione anche su un errore frequente che molti commettono:

la Brand Awarenss non va confusa con la Brand Reputation!

Si parla spesso di Brand Reputation ma si tratta di qualcosa di molto diverso rispetto alla Brand Awareness che stiamo analizzando in questo articolo.

Cerchiamo quindi di mettere in evidenza quelle che sono le principali differenze tra questi due concetti.

Come detto fino a questo punto, la Brand Awareness rappresenta la notorietà di una marca, il grado di conoscenza che il pubblico ha di un determinato brand. Per definire a che grado di conoscenza sia arrivato il pubblico, occorre utilizzare la piramide di Aaker che abbiamo analizzato precedentemente, così da individuare a che punto è arrivato il tuo lavoro e quanto esso sia conosciuto. Parliamo quindi di grado e livello di conoscenza, senza mettere in campo dei parametri più particolari come l'opinione soggettiva che il singolo utente ha dell'azienda.

Con la Brand Reputation invece entriamo nell'ambito della considerazione che il pubblico ha nei confronti di un particolare marchio.  Si tratta di un parametro che può essere migliorato non solo con i servizi proposti ma anche grazie ai propri contenuti, alle interazioni con gli utenti e al tuo modo di intrattenere i rapporti con il tuo pubblico. Se riuscirai a fare le cose in maniera corretta, la tua reputazione online ne gioverà fino a far diventare il tuo brand un sinonimo di qualità e affidabilità.

La Brand Awareness è dunque un concetto molto importante che il più delle volte viene sottovalutato, cosa che rappresenta un grave errore di valutazione da parte dei professionisti.